INVESTIMENTI 14 febbraio 2022 4 minuti di lettura

Investire in commodities: le regole da seguire e gli errori da evitare

Scritto da  Moneysurfers

 

    Se ultimamente anche tu sei stato attratto dagli investimenti in materieprime devi sapere che non sei solo. Moltissime persone si stanno interessando alle cosiddette commodities a causa della crescente inflazione post-pandemica, dovuta principalmente all’ingente immissione di denaro circolante e all’aumento del costo dell’energia.

    In effetti l’inflazione, il mercato azionario e le materie prime possono essere definite “inversamente correlate”. Continua la lettura delle regole da seguire per investire in commodities per scoprire in che modo puoi integrare questa tipologia di investimenti nella tua strategia.

    Cosa sono le commodities?

    Il termine commodity deriva dal francese commodité, ed entra in uso nella lingua inglese fin dal 15° secolo a indicare quei materiali che sono alla base per la produzione di altri beni tramite opportune lavorazioni e processi industriali.

    Ecco alcuni esempi di materie prime, suddivise nelle principali categorie:

    • metalli preziosi: oro, platino, argento, palladio
    • metalli: alluminio, cobalto, nichel, rame, zinco, molibdeno, acciaio, stagno
    • beni agricoli: grano, soia, riso, avena, farina di soia, frumento, mais, olio di soia, soia, cacao, caffè, cotone, legname, succo d'arancia, tabacco, zucchero
    • energetici: petrolio, gas naturale, nafta, propano

    Più recentemente sono state introdotte le categorie Soft Commodities per indicare i beni agricoli, e Hard Commodities per tutte le altre categorie.

    Come hai certamente intuito, la speculazione finanziaria sulle materie prime è uno degli investimenti più antichi tuttora esistenti. Tuttavia, fino a pochi decenni fa, la contrattazione era limitata allo scambio fisico mediante una reale compravendita delle materie prime. Oggi invece esistono strumenti finanziari evoluti che permettono di non acquisire la piena proprietà del bene, ma di beneficiare dei movimenti di prezzo.

    Gli strumenti per investire in commodities

    Se ti interessa fare commodity trading, devi conoscere i 4 strumenti più utilizzati elencati qui sotto:

    • CFD (Contract for difference).
    • Futures;
    • ETF (Exchange Traded Funds);
    • ETC (Exchange Traded Commodities).

    1. CFD (Contract for difference)

    È uno strumento derivato che permette di effettuare negoziazioni sulle oscillazioni di prezzo della materia prima scelta. Questa tipologia di investimento rientra nella categoria dello spread trading, ovvero il trading sulla variazione di prezzo in un determinato lasso di tempo. Sono in assoluto i più utilizzati.

    2. Futures

    Sono costituiti da un contratto a termine in cui ci si impegna a vendere o acquistare un bene alla data e al prezzo stabilito dal contratto stesso.

    3. ETF

    Come qualsiasi ETF, quelli dedicati alle commodities sono pacchetti composti da più materie prime che danno la possibilità di diversificare il portafoglio e al tempo stesso di abbattere le commissioni di acquisto. Per saperne di più sugli ETF leggi anche questo articolo dedicato.

    4. ETC

    Sono gli ETF dedicati alle materie prime. Come gli ETF replicano le performance del loro sottostante in maniera fisica o sintetica.

    Nel primo caso la società che emette l’ETC acquista fisicamente il sottostante come garanzia dell’obbligazione, nel secondo caso l’emittente utilizza contratti derivati come i futures, sui quali si può andare long, short e a leva.

    Le 8 regole da seguire per investire in commodities

    Moneysurfers, sia all’interno dei corsi di formazione finanziaria, sia in tutti gli articolivideo pubblicati gratuitamente, si differenzia per un approccio alla formazione finanziaria consapevole che evita le grandi promesse e i soldi facili. Ecco perché abbiamo selezionato le 8 regole da seguire per investire sulle materie prime:

    1. Diversifica il tuo portafoglio di investimenti;
    2. Proteggiti dall’inflazione;
    3. Attento alla volatilità;
    4. Non esporti troppo;
    5. Mantieniti informato;
    6. Studia l’analisi tecnica;
    7. Apri un conto DEMO;
    8. Valuta di rivolgerti a un professionista.

    Vediamole nel dettaglio.

    1. Diversifica il tuo portafoglio di investimenti

    Una delle caratteristiche più apprezzate del mercato delle materie prime, è che abbiano una correlazione inversa al mercato azionario. Minore è la correlazione tra le attività, maggiore è il vantaggio di diversificazione. Ad esempio, quando il mercato è particolarmente nervoso, l’oro rimane molto stabile, o quando l’inflazione è alle stelle, le materie prime non perdono come i titoli azionari ma aumentano di prezzo.

    2. Proteggiti dall’inflazione

    L’inflazione è causata proprio dall’aumento del costo delle materie prime, che provoca un aumento dei prezzi dei prodotti finali, il quale a sua volta causa una perdita di potere d’acquisto per il consumatore finale. Per questo, l’investimento in commodities protegge le perdite di un portafoglio ben bilanciato anche in un momento di inflazione e svalutazione delle azioni societarie.

    3. Attento alla volatilità

    Le materie prime possono subire brusche oscillazioni di prezzo su intervalli di tempo limitati. Per questo, soprattutto se non sei un professionista, concentrati sulle materie prime ad alto volumedi negoziazioni come oro, argento, petrolio, rame o grano, per attenuare le fluttuazioni improvvise.

    4. Non esporti troppo

    Ti consigliamo di avere un’esposizione in materie prime tra il 5 e il 10% con un’eccezione per l’oro. Inoltre, valuta anche molto bene la stabilità e i volumi degli intermediari su cui operano gli strumenti derivati che selezioni, soprattutto se decidi di andare in leva finanziaria.

    5. Mantieniti informato

    Le materie prime sono soggette a molteplici fattori geopolitici, naturali o valutari. Una crisi politica in medio oriente può influenzare il prezzo del petrolio, un periodo di siccità o il clima avverso può invalidare un raccolto, un’elezione politica può incentivare l’utilizzo di energia solare e quindi l’approvvigionamento dell’argento per la costruzione dei pannelli.

    6. Studia l’analisi tecnica

    Oltre ai fattori di natura fondamentale elencati sopra, l’analisi tecnica dei grafici è di grandissimo aiuto per capire l’andamento futuro del prezzo, soprattutto per i trader che operano sul breve termine. Un consiglio PRO: dato che la grande maggioranza di commodities viene scambiata in dollari, prendi anche in considerazione il comportamento di quest’ultimo, poiché esso stesso potrebbe influenzare il mercato, o la conversione con la tua valuta di riferimento.

    7. Apri un conto DEMO

    Se sei davvero agli inizi, oltre a seguire le regole precedenti, apri un conto virtuale per prendere maggiore confidenza con l’apertura e la chiusura delle posizioni, i grafici e tutte le altre funzionalità della piattaforma che hai scelto.

    8. Valuta di rivolgerti a un professionista

    Il trading in materie prime non è una passeggiata, perché richiede diverse conoscenze e una certa attitudine al rischio. La migliore strategia che puoi adottare è quella di investire in primis sulla tua formazione, come quella offerta dal nostro corso Ethical Spread, il corso fatto apposta per gli investimenti sul mercato delle materie prime. Oppure, se non vuoi investire su te stesso, considera di rivolgerti a un professionista che ti possa impostare la strategia, almeno in fase iniziale.

    I potenziali rischi del trading in commodity

    Alla luce delle regole che hai appena letto, vogliamo evidenziare i potenziali rischi che l’investimento in commodities può comportare:

    1. Volatilità. Come già detto nella regola n° 3, si tratta di un mercato molto volatile. Per cui occhio alla tua esposizione!
    2. Conoscenze tecniche. Alcune materie prime richiedono conoscenze specifiche che possono andare dalla politica alla meteorologia, dall’energetica alla componentistica. Per cui non improvvisarti in ambiti in cui non ti senti sicuro!
    3. Nessun dividendo. Non sono previste cedole o dividendi, per cui il tuo margine di utile può derivare esclusivamente dalla bontà delle tue operazioni!

    Ti è piaciuto questo articolo?

    Allora è importante che tu conosca la filosofia di Moneysurfers. Siamo formatori finanziari da oltre 15 anni, e siamo stati i primi a unire, nei nostri corsi, il benessere materiale e quello spirituale.

    Non guardiamo al denaro come a un fine, ma come a un mezzo per una vita più gratificante. Crediamo che ognuno dovrebbe arrivare ad avere i soldi per fare esattamente quello che ha voglia di fare; dipende dalle tue aspettative e dalle tue reali ambizioni capire di quanti soldi hai davvero bisogno.

    Stai impiegando troppa energia per accumulare denaro che non ti serve, oppure ti stai adagiando nella tua comfort zone senza provare a dare voce alla tua vocazione professionale?

    Se ti interessano queste tematiche, come la gratificazione professionale, l’equilibrio tra ricchezza materiale e benessere interiore, il trading etico, la meditazione e quel bellissimo viaggio che è la ricerca della tua felicità, ti consigliamo di leggere il nostro libroLa felicità fa i soldi, di iscriverti al nostro canale YouTube e leggere il nostro blog dove parliamo in modo approfondito di questi aspetti e moltissimi altri.

    Alla prossima onda.

    Lascia un commento

    Articoli Correlati

    Ecco come investe il grande Ray Dalio
    Ecco come investe il grande Ray Dalio
    9 luglio, 2020

    “Datemi un punto d’appoggio e vi solleverò il mondo!” (Archimede) Strategie per raggiungere il successo, tecniche di inv...

    Acquisti online: ecco come proteggersi dalle truffe
    Acquisti online: ecco come proteggersi dalle truffe
    20 marzo, 2018

    Sono 10 milioni gli italiani che solo a Natale si sono dati agli acquisti online, spendendo tra i 3 e i 4 miliardi di eu...