Blog

Zuckerberg: Ladro o Filantropo?

Complimenti a Mark Zuckerberg, CEO di Facebook. Non solo per essere diventato un papà nuovo di pacca, uno dei grandi miracoli della vita, ma complimenti anche per aver scritto una lettera toccante alla figlia dove comunica di voler donare il 99% delle sue azioni di Facebook. 
[quote]"Like all parents, we want you to grow up in a world better than ours today."[/quote]
(Tr: Come tutti i genitori, vogliamo che tu cresca in un mondo migliore di quello odierno.)
I neopromossi genitori Zuckerberg descrivono un mondo ancora pieno di problemi (guerre, malattie, bigotteria, ignoranza) e accrescono il valore del manipolo di filantropi ultra miliardari, capitanato da Bill Gates (con cui Mark già collabora). 
Il Ceo di Facebook, in pieno spirito Silicon Valley, descrive anche come pensa di combattere questi problemi: assunzione di rischi e investimenti a lungo termine, creando nuove tecnologie e finanziando forti leader indipendenti, ma soprattutto visionari. I buoni propositi e i presupposti ci sono tutti. Come un vero Money Surfer, Mark fa parte di quei miliardari che non hanno più bisogno di guadagnare, ma che vogliono assolutamente perseguire fini più alti ed hanno tutto il potere economico per farlo. Ma c’é di più! Infatti con un abile mossa Mark raggiunge 3 obiettivi, persegue un mondo migliore, alza il suo branding personale e risparmia miliardi in tasseil 99% delle azioni di book possedute da Zuck corrisponde attualmente a circa 45 Miliardi di dollari USA, una bella cifra per portare avanti la sua missione filantropica.
MoneySurfers.com (1)
Ma non è propriamente “carità”. Infatti, per la donazione di Zuckerberg, il veicolo che sembrerebbe essere stato scelto al fine di perpetrare la missione, non è una ONLUS o un veicolo no-profit, ma una bella LLC (la srl italiana). Ovvero un veicolo privato atto a fare investimenti e business.
C’é qualcosa di male? noi pensiamo di no. Infatti bisogna smettere di lasciarsi ingannare dalla facciata, ma guardare i fatti. Sapete che noi siamo promotori delle Società a Responsabilità Illimitata, che in gergo tecnico vengono chiamate Aziende Sociali, ovvero compagnie il cui scopo non è fare profitto (anche se il veicolo giuridico è una srl o simile), ma perpetrare il bene sociale e ambientale. Noi per esempio abbiamo fondato Forex Nation, il primo broker al mondo no-profit (ed è una CIC: Community Interest Company). Sì è vero, effettuando negli anni queste donazioni ad un azienda “sociale” Zuckerberg risparmierà miliardi di dollari in tasse, potrà detrarre infatti le donazioni dal suo capital gains. Ma non è una cosa nuova per Zuck: infatti nel 2014 ha pagato 178 milioni di dollari (non pochi) in tasse, rispetto a dei profitti (pre tasse) pari a 4,9 Miliardi di dollari, ovvero il 3,6% di tasse.
Lo so, sento già piovere critiche su questo punto: “Sono sempre i ricchi ad essere agevolati”, “deve pagare le tasse come gli altri e contribuire” etc... Critiche che, però, solitamente arrivano dalle stesse persone che lamentano uno stato che ruba, che spende male i soldi dei contribuenti. Attenzione, non crediate che gli Stati Uniti siano troppi differenti dalla “sprecona” Italia. Il caro presidente OBAMA ha creato 8 milioni di posti di lavoro a fronte di un aumento del debito pubblico di 8 triliardi di dollari, ovvero ha speso 1 milione di dollari per ogni posto di lavoro creato….non proprio il sinonimo dell’efficienza.
Facebook, dal canto suo, ha creato 4.5 milioni di posti di lavoro tra l’azienda e l’indotto, secondo quanto spiegato da Deloitte. Tutto questo senza creare nuovo debito per le future generazioni, ma usando i soldi già circolanti. D’altronde considerando che gli USA hanno investito quest’anno 560.3 miliardi di dollari per la Difesa Nazionale e 58,6 miliardi per Operazioni Di Contingenza Oltremare, significa che 45 Miliardi in meno da tassare nei confronti di Zuck potrebbero dare come risultato 20 giorni in più di pace per il mondo!
Attenzione, non siamo fan di Facebook, né detrattori. Facebook è un mezzo che può essere usato per facilitare le comunicazioni nel mondo o per sopperire a carenze affettive nel peggior modo possibile. Non siamo neanche per l’evasione delle tasse, ma per un ottimizzazione della pressione fiscale, che in Italia è quasi obbligatoria se si vuole sopravvivere.  Non ci piace neanche che persone di dubbia integrità morale usino i soldi “ottimizzati” per finanziare la malavita. Noi Money Surfers crediamo nella responsabilità illimitata. Ed è responsabilità di ognuno di noi padroneggiare la forza del denaro, imparare ad attirarlo, imparare a gestirlo, imparare ad evitare che finisca copioso in mano a politici incompetenti o malavitosi e al contempo concentrarci ed usarlo per costruire un mondo migliore. 
Se Mark Zuckerberg risparmia sulle tasse e usa quei soldi veramente per cercare di creare un mondo migliore, ricercando nuovi medicine, aumentando la cultura nel mondo etc… siamo con lui in tutto e per tutto, perché sarebbe un vero Money Surfer.

Vuoi entrare a far parte del Club Esclusivo dei Money Surfers?

Attiva GRATIS la tua Membership iscrivendoti al sito. 

 

Se l'articolo ti è piaciuto, condividilo e diffondi la consapevolezza!

Compila questo modulo per scrivere un commento
(4 inseriti)
Accettazione termini Privacy Policy  
2015-12-07 14:06:48 - Enrico Garzotto
A volte rendere pubblica un azione serve per sensibilizzare gli altri. Pensa ad un Luther King che non parla in pubblico...non avrebbe dato via ad un cambiamento generale. La cosa che veramente cambia è il tuo vero perché. Per ego? Per rivincita? Per gioia? Per donare speranza? etc...
2015-12-07 13:55:52 - Max
Premetto che una delle cose che Davide mi ha insegnato è il non giudizio verso chichessia. A fare giudizi si combinano disastri e non ho voglia di impelagarmi in questo, troppo pericoloso. Detto questo confesso che sono rimasto un po' perplesso su Mark. Mi spiego meglio, senz'altro è una buona cosa quello che fa, non voglio fare il complottista e dire che agisce per secondi fini, ma mi domando una cosa. Perché fare tutta questa pubblicità che fai del bene, doni, regali, ecc...? Di solito queste cose dovrebbero essere fatte nell'ombra e senza pubblicità. Forse ho apprezzato di più un Francesco Totti che, zitto zitto e senza che nessuno sappia, ha donato una mattina dei giocattoli ai bambini di un reparto pediatrico a Roma.
2015-12-07 08:45:53 - Enrico
Ciao Marco,grazie per il tuo commento. I soldi sono un energia puoi usarli bene o male. Averne tanti significa avere più responsabilità ed essere sempre sotto l'occhio del ciclone. Speriamo che Mr. Zuck vada avanti con le sue buone intenzioni.
2015-12-07 07:06:12 - Marco
Complimeti per l'articolo Enrico, Non appena ho sentito la notizia della donazione di Zuckerberg, mi sono subito chiesto, ma perche mai qualcuno dovrebbe privarsi del 99% del proprio patrimonio, e a favore di chi o che cosa? Sono giunto subito alla conclusione, per pagare meno tasse, e per avere un richiamo mediatico modiale che manco.... Ma poi ho ripensato all'emozione sconvolgente che mi ha dato tenere tra le braccia mia figlia appena nata, e il pensiero di volere per lei il migliore dei mondi possibili, senza guerre, terroristi, malattie e carestie. Certo io potro fare cose piccole, ma vi assicuro che da allora il mio impegno e forte e quotidiano. Ripensando a questo, sono convinto che le motivazioni di Zuckerberg siano venute dal cuore, diventare genitore ti investe di una responsabilita tale che tutto cio che farai in seguito sara influenzato, in tutte le decisioni prendera parte anche tuo figlio. Detto cio sono convinto che la sua decisione sia stata presa con il cuore, ma con una mano al portafoglio. Certo che se io non sono in grado con le mie azioni di influenzare il mondo, la capacita economica e mediatica di un personaggio del genere posso dare una spinta incredibile per che sia migliorare. Alla prossima onda
Diventa anche tu un
RICCO CONSAPEVOLE
ISCRIVITI GRATIS AL CLUB
ESCLUSIVO MONEYSURFERS!


MoneySurfers.com è un progetto TUMMO Sagl
Via G. B. Pioda, 12
6900 Lugano, Svizzera
CHE-133.132.778
MoneySurfers.com © 2018. All Rights Reserved.
Credits TITANKA! Spa © 2019