Blog

I 5 killer della tua azienda: come sconfiggerli (prima parte)

Fare azienda non è una passeggiata, lo sappiamo bene. Dietro l’angolo possono nascondersi insidie o vere e proprie scelte killer, che è importante saper riconoscere ed evitare.

Per aiutarti a capire chi sono questi “killer”, li abbiamo racchiusi in una lista divisa in dieci punti, di cui ti presentiamo i primi cinque in questo post.

1) Il primo punto è credere di non essere in grado di allargare il proprio numero di clienti. I clienti sono la benzina dell’azienda, e se non ci sono l’azienda non va avanti. Sappiamo che è molto più difficile vendere a un nuovo cliente rispetto a uno che è già stato fidelizzato. E’ però importante far crescere il numero di nuovi clienti e, in un certo senso, avere anche clienti migliori. Abbiamo trattato bene l’argomento qui e qui.

2) Il secondo problema è in qualche modo padre del primo. Perché il tuo cliente sceglie proprio te? Ha a che fare con l’importanza di essere unici. La tua azienda può esserla a livello di prodotti o di servizi offerti, ma a volte l’unicità è più sottile e intangibile. La chiave può nascondersi anche in ciò che non pensi. Basti pensare ad Apple, che si è affermata sul mercato per qualità e  originalità, ma soprattutto per aver intelligentemente fuso tecnologia e design. A distanza di anni esistono prodotti migliori o più belli, ma Apple viene ancora identificata come unica, come l’azienda che ha sfidato e continua a sfidare lo status quo. E questo perché ha saputo creare nuove regole, distinguendosi dai concorrenti.

3) Non giriamoci intorno, la paura di essere copiati è diffusa e radicata, soprattutto nelle start up. Ma qual è l’unica soluzione vera per alzare le barriere all’imitazione? Non i brevetti e nemmeno le consulenze legali, ma costruire un modello d’impresa che i tuoi clienti non riescano a leggere facilmente. L’esempio di Ferrero può aprirci gli occhi a riguardo. Anni fa l’azienda nostrana è entrata in causa con la cinese Montresor che tra gli anni ’90 e i primi ’00 ha iniziato a copiare gli iconici Ferrero Rocher. La causa è durata per una decina d’anni, al termine dei quali Ferrero è stata riconosciuta parte lesa e rimborsata simbolicamente per 50.000 euro. Questo a fronte dei milioni incassati dall’azienda cinese in tutti questi anni, senza contare il tempo e i soldi buttati da Ferrero in spese legali e lo smacco subito. 

In definitiva, il sottotitolo è: le protezioni non proteggono. Vogliamo quindi darti un punto di vista opposto. Se i concorrenti ti copiano vuol dire che il tuo prodotto è buono. Senza contare che è implicito che in un sistema di concorrenza come il nostro, prima o poi la copia del tuo prodotto arriverà sul mercato. Il punto è costruire un modello che gli altri difficilmente riescano a comprendere, dandoti tutto il tempo di prenderti una buona fetta di mercato. E una volta che il tuo brand sarà riconosciuto, quando altre aziende vorranno copiarti, il mercato sarà già forte e ci sarà anche spazio per loro (senza che ciò vada a discapito tuo).

4) Parliamo ora del passaparola, sul quale si basano molte aziende e moltissimi liberi professionisti. Il passaparola non è una strategia di marketing, anzi. Lo inseriamo di diritto nella lista dei killer della tua azienda. Questo perché con il passaparola ti affidi alla volontà altrui di farti crescere o meno, mettendoti quasi nelle mani del caso e non ndo nulla per promuoverti. Con l’aumento della concorrenza e con tante altre aziende che vendono prodotti o servizi simili, diventa invece sempre più importante fare un marketing attivo. Devi essere tu stesso a generare i tuoi lead. Attenzione, però. Il passaparola può essere utilizzato attraverso una strategia, e allora diventa una mossa di marketing a tutti gli effetti. Il passaparola attivo funziona, ma tendenzialmente solo sui clienti fidelizzati (per esempio: portaci un amico e avrete entrambi diritto a una serie di vantaggi).

5) L’ultimo punto è forse il più controverso, anche a livello accademico. Parliamo della distinzione tra prezzo del prodotto e valore percepito dello stesso. Qual è la differenza? Il valore percepito è la soglia che permette al cliente di decidere di acquistare o meno il tuo prodotto o servizio. Ed è diverso dal valore commerciale (ossia il prezzo) che stabilisci, in quanto il cliente potrebbe percepirne un valore superiore o inferiore. Facciamo un esempio semplice. Ha senso vendere un bicchiere d’acqua a 100 euro? La risposta, come sempre è: dipende. In un bar avrebbe un prezzo esagerato e nessuno lo comprerebbe, mentre nel deserto un cliente potrebbe addirittura essere disposto a pagare di più. Il valore percepito quindi cambia, ed è legato al problema e alle esigenze del cliente. Più è grande il problema e più il valore percepito cresce, insieme alla disponibilità a spendere. Trovare il prezzo giusto per il tuo target è un processo importante a cui devi dedicare il giusto tempo.

Ti facciamo ora riflettere sui primi cinque killer della tua azienda, invitandoti al prossimo post, dove troverai i successivi cinque. Se hai opinioni o esperienze dirette, condividile liberamente con noi nei commenti.

Intanto, alla prossima onda.
 

Compila questo modulo per scrivere un commento
Accettazione termini Privacy Policy  
Diventa anche tu un
RICCO CONSAPEVOLE
ISCRIVITI GRATIS AL CLUB
ESCLUSIVO MONEYSURFERS!


MoneySurfers.com è un progetto TUMMO Sagl
Via G. B. Pioda, 12
6900 Lugano, Svizzera
CHE-133.132.778
MoneySurfers.com © 2018. All Rights Reserved.
Credits TITANKA! Spa © 2019